Rudy2's Multilingual Blog

Just another WordPress.com weblog

MICROCHIP SOTTOCUTANEI cancerogeni(ITALIANO)

leave a comment »

NWO – MICROCHIP SOTTOCUTANEI CANCEROGENI
La storia di Lèon, il cane-eroe che lo ha provato sulla sua pelle, anzi… “Sotto”

http://sphaeralux.blogspot.com/2010/03/nwo-microchip-sottocutanei-cancerogeni.html

Lèon tratto dal sito in suo onore www.noble-leon.com

Il controverso problema della sicurezza e degli microchip da impiantare nelle persone e gli animali è un tema scottante, ancora sotto esame da vari istituti internazionali.
Ma cosa ancor più importante è al vaglio dell’opinione pubblica, vero ed unico giudice di tutto.

Le campagne di Think Tank e pubblicità varie, atte alla vendita di questi loschi aggeggi, stanno facendo capolino da decenni, ma fortunatamente non hanno ancora fatto breccia nell’opinione della massa, che li guarda con sospetto.. del tutto giustificato.

Oggi vi propongo la storia di Lèon un cane che, sfortunatamente, ha pagato con la vita, l’ignoranza di una società basata su politiche del terrore e strategie della tensione.

LA STORIA DI LEON

Un giorno, l’anonima padroncina di Lèon, la quale desidera farsi chiamare genericamente Jeanne, si accorse di una strana protuberanza situata tra il collo e la regione scapolare del suo bellissimo cagnolino. Dopo un controllo medico ricevette la conferma che Lèon aveva un tumore, per la cronaca un fibrosarcoma, una forma molto aggressiva di cancro.
Il cuore di Jeanne si fermò per un attimo, prima di notare che il tumore si era formato, proprio dove, a Lèon, era stato impiantato un microchip otto mesi prima.
Dopo altre conferme date da varie biopsie, si scelse di rimuovere chirurgicamente la massa cancerosa ed il microchip sotto cutaneo.
Per capire come poter curare Léon e capire le cause del suo cancro, Jeanne, consultò altri veterinari, i quali, le confermarono che i gatti erano soliti sviluppare lo stesso tipo di crescita anomala a causa di vaccini, quindi, il sospettato numero uno, fu proprio qualche vaccino. Tuttavia, dato che la massa tumorale, era stata riscontrata esattamente dove era collocato il microchip, Jeanne volle capire se quell’aggeggio non avesse contribuito alla nascita del problema ed iniziò, quindi, una ricerca sulle possibili relazioni tra impianti di microchip sotto pelle e cancro.

Purtroppo, scoprì ben presto vari casi clinici che provavano un’intima relazione tra gli innesti di microchip e l’insorgenza di tumori negli animali studiati. Jeanne venne a conoscenza, inoltre, che v’erano una vasta gamma di gravi rischi per la salute, connessi agli impianti di microchip.
L’attenzione era così concentrata sulla cura di Léon, che ci si accorse solo dopo che vi fossero gravi problematiche anche relate alla privacy, la legge, l’etica, persino l’agricoltura e la religione oltre che svariati danni ambientali, associati a questi impianti.
Ma non era ancora tutto.

Dopo aver trascorso innumerevoli ore a leggere di impianti, microchip e le frequenza dei dispositivi di identificazione a radiofrequenza (RFID), qualcosa di molto più insidioso divenne evidente: l’obiettivo finale di questi apparecchi, era quello di monitorare costantemente, tutto tutti e in ogni dove, ovviamente in tempo reale.

Jeanne, pensò subito che se la massa non si fosse subito risvegliata, dal torpore psichico in cui era immersa, e non avesse fatto nulla per rifiutare questa tecnologia invasiva, avremmo vissuto in un regime di controllo totalitario, globale e sempiterno.

Come per ogni prodotto, vi sono dei promotori ma anche se alcuni di costoro, sono inconsapevoli della miriade di problemi, associati a questi dispositivi apparentemente innocui, altri sanno la verità, ma stanno facendo di tutto per tenere il pubblico all’oscuro dei rischi e dei pericoli annessi con questa tecnologia invasiva e potenzialmente letale.
Gli innesti dei microchip vengono pubblicizzati come sicuri ed utili in casi di emergenza o per il monitoraggio di animali domestici, bestiame, e fauna selvatica. L’elenco comprende animali domestici, selvatici e adatti alla pastorizia. Diverse nazioni, in tutto il mondo, hanno già reso obbligatorio l’innesto di microchip in alcuni animali.

Mentre molte persone pensano che questi impianti sono destinati al solo uso di animali, intere categorie di esseri umani, sono già state dotate di microchip. Nel mese di Ottobre del 2004, la United States Food and Drug Administration (FDA) ha approvato l’uso di impianti di microchip, negli esseri umani, per scopi medici. Ma anche i vigili del fuoco americani, i funzionari del Messico, i malati di Alzheimer, i diabetici, mecenati bar, i dipendenti statali, ed altre categorie, sono state “Chippate”. Ad oggi vi sono molte aziende che dispongono di brevetti per tracciare gli esseri umani. Non c’è da stupirsi, quindi, che il libro di George Orwell, 1984, è spesso citato da coloro che sono contro la natura intrusiva e sinistra di questi impianti, che rischiano di causare danni irreversibili alla la nostra salute e porre fine al nostro diritto di vivere e di farlo in una società libera.
Jeanne, dichiara ancora oggi, che l’intero sistema associato agli impianti di microchip è viziato dalla A alla Z. Inoltre è fermamente convinta, come molti tra i più savi e svegli, che invece di risolvere problemi, questi impianti, ne creeranno solo di peggiori, pertanto, le leggi che obbligano gli impianti di microchip, devono essere immediatamente abrogate, per lasciare spazio ad altre che ne vietino l’obbligo di innesto.

A chi fosse sfuggita la cosa, ATTENZIONE RIPETO: GLI IMPIANTI DI MICROCHIP CAUSANO IL CANCRO !!!!

Jeanne era ancora sbalordita perchè Lèon aveva uno stile di vita sano e non si poteva spiegare altrimenti la formazione di un tumore così aggressivo, per cui infittì la sua capillare ricerca di relazioni tra i Microchip e l’insorgenza di tumori.
In breve tempo, Jeanne, trovò pubblicazioni scientifiche relate a studi sui topi, in cui si dimostravano le chiare relazioni tra la formazione di tumori e l’utilizzo dei microchip sotto pelle. In realtà, nel documento “Tumors in Long-Term Rat Studies Associated with Microchip Animal Identification Devices” di Laura E. Elcock e colleghi, si parla di “inutili stragi annunciate, della maggior parte degli animali colpiti, a causa delle dimensioni del tumore e le possibili metastasi. “. Jeannè fece visionare questo documento ad uno dei veterinari di Lèon, al quale chiese cosa significasse “inutili stragi annunciate”. Il veterinario le disse: “Significa che il tumore era così grande che gli animali dovevano essere eliminati e che si aspettavano sin dall’inizio questi risultati.” inoltre aggiunse “A volte i tumori, si diffondevano addirittura anche in altre parti del corpo lontane dai Microchip.”. Jeanne ancora una volta rimase SENZA PAROLE.

Dopo ulteriori ricerche, nel 2004, Jeanne contattò uno degli autori del documento di cui sopra, il quale rivelò che i loro dati indicavano chiaramente, che gli innesti di microchip potevano causare il cancro ed aggiunse che non si poteva escludere la possibilità che il Microchip avesse causato la crescita cancerosa di Lèon.
Venne il tempo di contattare uno dei veterinari della Merial, la società farmaceutica che ha approvato il microchip innestato in Léon, nel settembre 2003. Questo signore disse che non era a conoscenza di eventuali reazioni avverse associate agli impianti di Microchip della Merial. Non molto tempo dopo, Jeanne lesse il documento scientifico “Liposarcoma at the Site of an Implanted Microchip in a Dog”, che trattava di un cane che aveva contratto la stessa patologia di Lèon. Da notare che la Merial® / Indexel®, è connessa alla Digital Angel Corporation.
Successivamente, Jeanne, contattò anche un rappresentante ufficiale della Merial e gli mostrò le informazioni che aveva trovato, parallelamente inviò anche una lettera, invitando la Merial ad agire in modo responsabile e ad aggiornare la loro letteratura in materia di microchip e rischi di cancro.
Che si sappia, ad oggi la Merial, non ha ancora risposto o fatto nulla a riguardo e nel suo materiale promozionale, non compare alcun avviso, inerente al rischio di tumori per chi innesta questi apparecchi.

Sempre nel 2004, Jeanne prese contatto con la Schering-Plough ( noto che nel sito compare la Merck, quelli del VIOXX), i promotori degli impianti prodotti dalla Home Again® ( Anche questi impianti portano alla Digital Angel Corporation ), durante il colloquio i due rappresentanti dichiararono di essere a conoscenza di ascessi e di escrescenze che si erano verificati a causa di impianti di microchip. “Escrescenze? Che tipo di escrescenze?” chiese Jeanne, ma i due, si rifiutarono di fornire ulteriori dettagli, in quanto non tenuti a farlo, ma il loro silenzio disse tutto.

La micro piramide dei Microchip presi in esame da Jeanne, è la seguente:

    La Schering-Plough

    – La Schering-Plough vende microchips sotto il marchio HomeAgain™.
    – La Schering-Plough Animal Health Corporation amministra il suo HomeAgain® Microchip database ed il servizio per il recupero di animali smarriti.
    – I Microchips e relativi lettori, sono assemblati dalla Digital Angel Corporation ( un tempo Destron Fearing).

Nota: I nomi sono indicativi, e la loro citazione non è a scopo denigrativo ma unicamente a titolo informativo.
La stessa tecnologia genera gli stessi problemi sotto qualsiasi marchio o corporazione che sia.

Ovviamente Jeanne, non è l’unica persona sul pianeta ad aver relato l’installazione di micrchip e l’insorgenza di tumori; Jane Williams, ad esempio, ha lanciato l’allarme con l’articolo “Implanted Microchips Cause Cancer” ( I Microchips impiantati causano il cancro ) nel quale ha scritto:
“Al National ID Expo di Kansas Cit, Il presidente dell’associazione di produttori di animali dell’Arkansas, Michael Steenbergen, ha chiesto, ‘Che studi sono stati condotti sulla sicurezza dei chip che vengono inseriti in animali?’ La risposta alla sua domanda è stato il silenzio totale. I produttori dei Microchip sono all’oscuro, o riluttanti ad ammettere che la ricerca ha confermato che l’innesto di microchip provoca il cancro ?”
Altro grosso silenzio..

Jane Williams continua:
Melvin T. Massey, DVM di Brownsboro, Texas, ha attratto l’attenzione del American Horse Council, quando scrisse: ‘Io sono un ex Veterinario equino ed allevo ancora alcuni cavalli di razza. A causa dell’aumentato rischio di sarcomi, a fronte di infezioni dovute alla migrazione di questi impianti in zone diverse da quelle dell’installazione, non impianterò microchip nei miei cavalli !!.

La Williams sono anni che avvisa la gente di diffidare di questa tecnologia e di chi la studia e/o promuove.

Comunque, già nel 1999, il West Lancaster Animal Hospital (WLAH) in Pennsylvania nei suoi bollettini, pubblicò avvisi riguardanti la formazione di sarcomi. Nell’avviso si leggeva: “Ci aspettiamo che anche i microchip impiantati saranno coinvolti. La reazione intorno alla capsula di vetro inerte, è una infiammazione cronica, che è la causa alla base di questi tumori.” queste, secondo voi erano le parole di un profeta, o semplicemente quelle di qualcuno che ha del buon senso ?

Nonostante gli avertimenti e la documentazione scientifica comprovante i rischi associati a questi microchip, nessuno o pochi si preoccupano del problema.
Ma qualcuno dimostra ancora di essere uno scienziato e non uno schiavo al soldo di lugubri personaggi spietati come gangster, celati dietro brillanti giacche e cravattoni da buffoni medievali…

Un esempio di brave persone e scienziati competenti ?
Una buona notizia, sono Italiani !!

Dopo aver faticato a trovare un ricercatore credibile, per fare ulteriori test su campioni di tessuto di Leon, Jeanne ha avuto la fortuna di contattare la Dottoressa Marta Vascellari dell’Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Venezie in Italia. Lei e i suoi colleghi hanno studiato la relazione della biopsia di Léon, la relazione patologica, ed i campioni prelevati dal fibrosarcoma di Leon. Il lavoro del team italiano ha portato alla pubblicazione del documento scientifico “Fibrosarcoma with Typical Features of Postinjection Sarcoma at Site of Microchip Implant in a Dog: Histologic and Immunohistochemical Study.” Pubblicato nell’edizione luglio 2006 del Veterinary Pathology

Altri enti che ebbero a cuore la storia di Jeanne e Lèon furono il Canine Health Concern (CHC) ed il sito DogsAdverseReactions.com i quali riservarono uno spazio, all’interno dei loro siti, dedicato interamente a Lèon e le problematiche di questi Microchip.

Letteratura scientifica ed informazioni sulla relazione Microchip-Cancro e referti medici inerenti a Lèon

La storia di Lèon e la documentazione a corredo è così vasta che lascio a voi la lettura completa dalla storia di Jeanne e Lèon.

Di questi documenti potrei citarne a migliaia, ma una cosa sola è certa, se ti impianti un microchip nel corpo, prima o poi, sarai esposto ad un’alta probabilità di contrarre un tumore.

Ma perchè tutto questo ?
Perchè un Microchip può nuocere così gravemente alla salute di animali e uomini ?

Lasciando ai più curiosi i dettagli delle ricerche, mostro solo le principali possibili cause:

1 – Corpi estranei e Genesi di tumori: La presenza del microchip, un corpo estraneo sotto cutaneo, può causare cambiamenti nelle cellule, che possono portare al cancro.

2 – Sarcoma da post iniezione: Varie tipologie di infiammazione dovute alla pratica di iniezione del Microchip, possono creare cambiamenti cellulari che portano al cancro..

3 – Possibili proprietà Genotossiche degli impianti: La capsula di vetro che funge da rivestimento per il Microchip o la guaina in polipropilene che lo avvolge può avere proprietà cancerogene e genotossiche, o la sua presenza nell’ospite può far insorgere di sottoprodotti genotossici .

Oltre all’insorgenza di tumori, alcuni ricercatori hanno trovato ulteriori incidenti che potrebbero capitare agli utenti di microchip, come ad esempio, la migrazione dell’impianto verso altre zone del corpo, inserimenti errato, fuoriuscita dal corpo, o guasto elettrico e/o malfunzionamento.

Probabilmente funziona meglio Winzozz della Mikrostolt, che sti cosi…

Allora ragazzi, vi basta tutto ciò ?

Noooooo ?!?

Bene, qui potete trovare, un documento da non perdere dove viene documentato tutto in maniera chiara ed ordinata.
Lo so lo so, da me arrivano solo brutte notizie, ma come dico sempre, per le altre e i “VA TUTTO BENEEE !!!” c’è sempre la TV… se vi turbo, cambiate canale, chiudete gli occhi e spegnete il cervello.

Ciao.
Ubi Morazzoni.

Written by rudy2

March 25, 2010 at 04:39

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s