Rudy2's Multilingual Blog

Just another WordPress.com weblog

SORVEGLIANZA CON RAGGI X/STRUMENTI DI CONTROLLO/INVASIONE DELLA PRIVACY(ITALIANO, DEUTSCH, ESPAÑOL)

leave a comment »

Testo di Rudy Andria in italiano, auf deutsch + en español

E’ una tecnologia in grado di catturare immagini a distanza; dunque anche immagini di persone durante la loro normale vita quotidiana, ad esempio mentre queste si trovano nella loro abitazione.Dunque la cattura delle immagini puo’ avvenire nonostante la presenza di ostacoli materiali come pareti, indumenti, eccetera, e tutto cio’ si puoì verificare eludendo qualunque legge oggi esistente. Le caratteristiche di questa tecnologia si possono riassumere come di seguito elencato: 1. Capacita’ di acquisizione di immagini attraverso ostacoli come pareti e comuni materiali da costruzione. 2. Capacita’ di cattura di immagini attraverso l’abbigliamento delle persone; essendo questo come puo’ comprendere un aspetto molto invasivo di questo strumento. 3. Il dispositivo che utilizza la tecnologia descritta puo’ essere adoperato da persone che si trovino ad una certa distanza dall’abitazione oggetto della sorveglianza, come ad esempio da una casa vicina o da un appartamento confinante. Un tale dispositivo e’ capace di monitorare a distanza gli spostamenti delle persone, i loro discorsi, il battito cardiaco e diverse altre funzioni corporee. La capacita’ di questi dispositivi di misurare con precisione distanze e spostamenti puo’ essere utilizzata in situazioni in cui oltre alla sorveglianza della persona presa di mira sia previsto l’utilizzo combinato di armi atte ad offendere. Il dispositivo che abbiamo descritto e’ facilmente trasportabile, silenzioso, e puo’ facilmente essere nascosto in una casa od in un appartamento; le tecnologie alla base di questi apparecchi di monitoraggio sono disponibili in commercio da circa dieci anni, tuttavia e’ solo negli ultimi cinque anni che le informazioni su di essi sono state rese accessibili. Il motivo per cui inizialmente tali tecnologie sono state tenute segrete e’ che la societa’ che produce questa tecnologia ha deciso di ricommercializzarla per sfruttare a fini di lucro il nuovo mercato della sicurezza anti-terrorismo, sviluppatosi a grande velocita’ in seguito agli attacchi terroristici dell’ 11 Settembre 2001. Tuttavia questi strumenti di monitoraggio e sorveglianza erano gia’ stati venduti discretamente fin dal loro primissimo sviluppo alle forze dell’ordine. Molto probabilmente a lei sara’ gia’ capitato di imbattersi in questa tecnologia, senza nemmeno rendersene conto. Quando ad esempio i Suoi bagagli vengono controllati in un aeroporto, questi stessi possono essere verificati da dispositivi di sicurezza che vedono attraverso i vestiti, al fine di potere individuare l’eventuale presenza di armi come coltelli, pistole, esplosivi, eccetera. I dispositivi capaci di effettuare i controlli ora descritti utilizzano la tecnologia delle “onde millimetriche” . http://bioem.die.uniroma1.it/tesine/html/Tesina1/Cap1.htm  http://www.gilardoni.it/sec_off.htm  Le “onde millimetriche” sono una forma di radiazione non-ionizzante e possono essere usate per creare un’immagine non solo del contenuto dei bagagli, ma sono anche in grado di ricostruire l’immagine di una persona completamente vestita, la quale nell’immagine ricreata allo scanner appare totalmente nuda. Nel corso di una serie speciale di articoli, dal titolo “Watching you”, apparsi nel novembre 2003 sulla rivista National Geographic Magazine, veniva messo in evidenza tutto cio’ che queste radiazioni di tipo raggi X con lunghezza d’onda dell’ordine di millimetri possono fare. Veniva inoltre fatto notare come i produttori di queste tecnologie siano stati costretti a trovare un modo per oscurare i dettagli del corpo umano come forma di tutela della vita privata delle persone. E’ interessante notare che l’autore di questa serie di articoli ha coniato l’espressione “Virtual Strip Search” ( esplorazione per denudamento virtuale ), per descrivere questa tecnologia. Il New York Times Magazine del 4 gennaio 2004 in un saggio intitolato “Il Terrore Nudo” fornisce al lettore maggiori dettagli sulle tecnologie ai raggi X con lunghezza d’onda dell’ordine di grandezza dei millimetri. L’autore, Jeffrey Rosen, ha coniato la parola “The Naked Machine” per descrivere questi dispositivi. Egli scrive: “Una sorta di denudamento virtuale la Naked Machine fa rimbalzare sul corpo umano un fascio di raggi X di bassa energia . Oltre a rivelare ogni oggetto metallico, ceramico o plastico che sia stato nascosto nei vestiti, la Naked Machine fornisce anche un’immagine anatomicamente corretta del corpo nudo di chiunque viene sottoposto a questa forma di indagine. La capacita’ di questa tecnologia di produrre immagini anche molto dettagliate del corpo attraverso l’abbigliamento e’ stata discussa anche da un importante produttore di questa tecnologia, il Pacific Nortwest Laboratories ( PNL ), una sezione del Ministero dell’Energia degli Stati Uniti.” Con il diffondersi di questo sistema sono sorte delle domande sulla invadenza di questa tecnologia capace di mostrare le caratteristiche fisiche di una persona che viene di fatto denudata agli occhi dell’operatore che sta conducendo l’ indagine. A partire dal 1997, gli scienziati del PNL sono impegnati nello studio dei problemi posti dalle esigenze di tutela della privacy; la strada scelta e’ la riprogrammazione del sistema in modo che l’operatore possa vedere solo gli oggetti nascosti, ma non l’immagine della persona. Ad ogni modo, i fatti che abbiamo evidenziato, anche tenendo conto delle correzioni intraprese limitatamente all’utilizzo “pubblico” di tale tecnologia, pongono ulteriori interrogativi. Esiste la possibilita’ che questa tecnologia venga utilizzata a distanza e con finalita’ di sorveglianza su soggetti inconsapevoli attraverso pareti di case ed appartamenti ? In caso di risposta affermativa, possiamo chiederci se esistono documenti e prove di un utilizzo improprio di questi sistemi da parte delle forze ddell’ordine. E’ anche possibile chiedersi se vengano utilizzate delle armi insieme a questi strumenti di sorveglianza e quale sia la natura di queste armi. Gli strumenti ad alta tecnologia della polizia possono “vedere” attraverso le pareti. Vi invitiamo a leggere l’articolo pubblicato il 17 aprile 2001 da “United Press International”. L’articolo parlava di dispositivi portatili che, utilizzati da forze di polizia, consentono a queste di individuare la presenza di un essere umano attraverso ostacoli come porte e le pareti, fino ad uno spessore di 8 pollici. Il progetto per lo sviluppo di questo dispositivo e’ stato finanziato nel 1998 dal “National Institute of Justice” ( NIJ ), una sezione del Ministero della Giustizia, secondo quanto riportato da un articolo del “Daily University Science News”. Dalla lettura di questi due articoli, risulta evidente che questo dispositivo, che utilizza una tecnologia a raggi X denominata “millimetre waves” o “onde millimetriche” venne originariamente destinato ad usi militari. Questo dispositivo e’ stato opportunamente chiamato “Radar Flashlight”, e puo’ “vedere” attraverso le pareti di case ed appartamenti. Entrambi gli articoli riferiscono dell’utilizzo effettivo di questi dispositivi, come protezione per la polizia mentre esegue mandati di perquisizione, e delle squadre SWAT (Special Weapons and Tactics) che si trovino in situazioni pericolose negli Stati Uniti. La stessa situazione si ha con GEO (Grupo Especial De Operaciones) in Spagna e GIGN (Groupe d’Intervention de la Gendarmerie Nationale) in Francia. Il Radar Flashlight e’ un dispositivo portatile che puo’ funzionare a batterie, ed il cui costo per le forze di polizia e’ inferiore a 1.500 dollari. Si tratta di un dispositivo di potenza relativamente bassa che puo’ essere tenuto nel bagagliaio di un’ autovettura della polizia, per essere utilizzato all’occorrenza.Nonostante richieda una bassa potenza per essere alimentato, le onde emesse dal Radar Flashlight possono anche attraversare vestiti di grosso spesore e rilevare la respirazione e qualunque spostamento anche solo di pochi millimetri. In altri termini, e’ possibile rilevare attraverso le pareti i movimenti delle ciglia, il battito cardiaco, e qualunque impulso anche se appena percettibile. La tecnologia a raggi X con onde millimetriche ha avuto un ruolo importante in attivita’ di molestie e tortura eseguite a distanza penetrando abitazioni. Questa tecnologia non e’ affatto nuova: secondo un comunicato stampa del produttore, essa e’ la miniaturizzazione di una tecnologia brevettata a meta’ degli anni 80 ed utilizzata in ambito militare. Lo scopo originario per cui questa tecnologia venne ideata fu quello di avere la possibilita’ di controllare a distanza i segni di vita di soldati feriti sul campo di battaglia, prima di rischiare la vita di medici ed infermieri in operazioni di soccorso. Logicamente ci si potrebbe ora chiedere se esistano versioni di maggiore potenza e piu’ sofisticate di questa tecnologia, che siano state messe a disposizione delle forze dell’ordine e organismi di sicurezza. La risposta e’ affermativa. Queste tecnologie piu’ sofisticate sono state vendute in grandi quantita’ a forze di polizia e ad organi di sicurezza durante l’ultimo decennio. Un’altra domanda che e’ lecito porsi adesso e’ se le forze di polizia e gli organismi di sicurezza hanno cercato attivamente di avere a disposizione questa tecnologia. Forse il fatto seguente fornira’ una risposta. L’ 8 giugno 1999, la “United States Air Force Material Command’s Information Directorate” rilascio’ una dichiarazione che la sorveglianza attraverso le pareti era ed e’ ancora “la priorità numero uno in ambito tecnologico per la polizia a livello nazionale e locale”. Questa citazione proviene da una richiesta commerciale ( Codice-Numero-BAA-99-04-IFKPA ), inserita in una lista pubblicata sul sito web delle Offerte Commerciali Federali. Il codice di riferimento BAA-99-04-IFKPA e’ stato assegnato ad una domanda fatta dallo “United States Air Force Command Material” per l’uso da parte della polizia del monitoraggio attraverso le pareti e l’individuazione di armi nascoste. Secondo questo documento, questa tecnologia non deve essere limitata unicamente all’individuazione di armi, ma deve anche essere utilizzabile in questioni che hanno a che fare con movimenti umani, battito cardiaco, la respirazione, i suoni, ecc. Gli ulteriori requisiti che questi dispositivi devono avere sono: (1)bassi costi di produzione, (2)essere facilmente trasportabili, con un basso peso; (3)capacita’ di individuare un’arma o di monitorare a distanza le persone attraverso le pareti. Vediamo in queste prove due tendenze significative che fanno luce sull’uso di armi a energia diretta su vittime innocenti ed inconsapevoli: La prima tendenza evidenzia il fatto che alla polizia ed agli organismi di sicurezza viene fornita una tecnologia per la sorveglianza di esseri umani attraverso i muri e da remoto , includendo questa sorveglianza il monitoraggio di segni di vita come la respirazione ed il battito cardiaco. In secondo luogo, vediamo l’aiuto prestato dalle forze armate degli Stati Uniti alle forze dell’ordine civili . In un articolo del 9 marzo 2004, intitolato “Is The Military Creeping Into Domestic Law Enforcement?”, il Wall Street Journal ha dichiarato: “Come effetto collaterale poco notato della guerra contro il terrorismo, c’e’ stato il graduale avvicinarsi dei militari ad un delicato ambito che storicamente era loro vietato: la raccolta di informazioni sul territorio nazionale con metodi di intelligence e le forze dell’ordine. In modo interessante, i documenti che abbiamo fin qui esaminato provano che la tendenza evidenziata dal Wall Street Journal era chiaramente gia’ in atto nel 1998, molto prima cioe’ dell’attentato terroristico dell’ 11 Settembre. Questo fatto solleva due domande chiave: Che impatto ha il coinvolgimento dei militari nelle forze dell’ordine nazionali sui diritti civili dei cittadini americani ? In che modo questo influenza la mentalita’ di agenti di polizia ed ufficiali delle forze dell’ordine ?I produttori ed i fornitori di armi hanno risposto alle istanze sul rispetto della legge di questi dispositivi ? 

____________________________________________________

Überwachungsinnstrumente mit Röntgenstrahlen + Invasion des Privatlebens

===> https://rudy2.wordpress.com/3909-2/

_______________________________________________________________ 

INSTRUMENTOS DE VIGILANCIA CON RAYOS X . INVASION PRIVACIDAD

===> https://rudy2.wordpress.com/instrumentos-de-vigilancia-con-rayos-x-invasion-privacidad/

Written by rudy2

September 30, 2009 at 21:57

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s