Rudy2's Multilingual Blog

Just another WordPress.com weblog

INTERVISTA CONCESSA AD UN EX AGENTE DEI SERVIZI SEGRETI:SORVEGLIANZA SEGRETA E TORTURA CON RADIAZIONI DA PARTE DEI SERVIZI SEGRETI

with 4 comments

 

 

Intervista concessa ad un ex agente dei servizi segreti: sorveglianza segreta e tortura con radiazioni da parte dei Servizi Segreti.
Traduzione dall’inglese A CURA DI RUDY ANDRIA.
—-
Questa versione italiana è stata fatta con l’autorizzazione dell’autore. Potete pubblicarla dove vi sembra opportuno, ma abbiate gentilmente la correttezza e l’estrema cortesia di non fare nessuna modifica, senza l’AUTORIZZAZIONE DEL TRADUTTORE RUDY ANDRIA. Grazie
—-
La storia che ci racconta Carl Clark ci lascia parzialmente senza fiato. Questo signore inglese descrive come ha sorvegliato e molestato gente per conto di vari servizi segreti, e come, dopo essere sfuggito, è diventato egli stesso vittima. Ha anche partecipato all’utilizzo delle armi a microonde su gli altri, ora tocca a lui sperimentare la cosa. E’ necessario che queste macchinazioni criminali vengano portati alla coscienza pubblica, in modo che possiamo fermarle. Egli descrive qui cio’ che lo ha portato ad emergere dall’ombra.
———–

Intervista  a Carl Clark, Norfolk, Inghilterra.

Armin Gross: vorrei che facesse luce su questo lato oscuro. Per chi ha lavorato?
Carl Clark: Lavoravo come freelance dal 1980 al 2003 per vari servizi segreti. Fino al 1997, lavoravo attivamente per la CIA. Poi ho lavorato per i servizi segreti israeliani, il Mossad e l’Anti-Defamation League (ADL), un’organizzazione con sede negli USA contro la discriminazione e la diffamazione degli Ebrei. Sono stato anche nel MI5, un gruppo secondario dei servizi segreti britannici. Più tardi, sono entrato nei servizi segreti della polizia e in quelli di un laboratorio di ricerca. La mia zona d’ operazioni era l’Europa: Parigi, Zurigo, Berlino, Dusseldorf, Monaco, Madrid, Bilbao, Lione e Mosca.

Servizio completo di informazioni .

Armin Gross: Quali sono state le attività principali?
Carl Clark: Uno dei compiti principali era infiltrare dei gruppi per ottenere informazioni su di essi. Sono entrato in alcuni gruppi, ho fatto amicizia tra i membri dei gruppi e ho contribuito alla rovina della loro vita.
Armin Gross: che gruppi erano?
Carl Clark: in sostanza, sono gruppi criminali o cartelli della droga. Per i servizi segreti israeliani fornivo informazioni sul “National Front”, un partito di destra radicale, sui nazisti o gli skinheads. Ciò che interessava loro erano i nomi, gli indirizzi, i luoghi di incontro, i piani  e gli obiettivi. Per la Cia mi occupavo della sorveglianza di alcune persone.
Armin Gross: Che cosa vi ha fatto esattamente?
Carl Clark: Sorvegliavo della gente per molto tempo, ho ascoltato di nascosto le loro conversazioni. Ho anche ricevuto ordine di destabilizzarli . Così sono entrato di nascosto nelle loro case, ho rubato delle cose, ho cambiato il posto di un oggetto  qua e  là. Ho cancellato dati sui loro computer. Oppure, ho seminato confusione e panico nelle persone che stavo pedinando. Mi sono introdotto diverse volte nei loro quartieri. Andavo alle fermate degli autobus che prendevano e alle stazioni della loro zona, ecc. Abbiamo messo in scena una rissa in strada, proprio di fronte a questi individui e di fronte ad altri. Nel caso si pensasse di metterli sotto maggior pressione finanche al caso di doverli  arrestare, ho anche raccolto alcune informazioni dal  loro computer. Per esempio, informazioni di carattere pornografico o pedofilo e anche informazioni sullo sviluppo del sistema di produzione di una bomba, ecc.

Armin Gross: Quali sono gli individui a lei assegnati?
Carl Clark: importanti politici, i membri dell’opposizione, gli individui che si sono confrontati con delle grandi imprese, come le aziende farmaceutiche. Alcuni appartenevano a bande di criminali. Ma c’erano anche due persone per le quali non sapevo perché erano  state inserite in tale elenco.
Armin Gross: Quante persone ha molestato o pedinato in tutto?
Carl Clark: Negli anni ’80 circa cinque o sei, negli anni 90, sette e dal 2000 al 2003, tre. Si può vedere da questo piccolo numero, che si tratta d’intensa sorveglianza di una persona, per solo sei mesi per ottenere forse la maggior parte delle informazioni per un dossier.
Armin Gross: Come Lei è riuscito ad ottenere queste informazioni?
Nella spazzatura, il telefono, nella posta, e su Internet. Con lo sviluppo della meccanizzazione, è diventato sempre più facile. Oggi non c’è più bisogno di impianti d’intercettazioni telefoniche . Si puo’ origliare telefonini, telefoni con rete numerica integrata (RNI) o le piccole antenne paraboliche. Purtroppo, l’uso di armi a microonde è diventato abbastanza comune. Con le sorveglianze e le molestie senza tregua si può distruggere totalmente una vita.
Armi a microonde .

Armin Gross: Ha anche utilizzato queste armi?
Carl Clark: No, io ero responsabile del controllo! Sono stati i dipendenti dei reparti speciali. Ma io a volte mi trovavo sul “terreno”.
Armin Gross: Puo’ descrivere in dettaglio l’uso di queste armi?
Carl Clark: E’ un po’ come un film di fantascienza. La gente può essere rintracciata ovunque, grazie al radar, al satellite, attraverso una stazione di base e programmi per computers complementari.  Ad esempio, spesso tre dispositivi  radar sono messi vicino alla persona. Il radar emette onde elettromagnetiche, quindi valuta i risultati. Cosi’ i miei amici che hanno lavorato in reparti speciali potevano inseguire l’individuo tutto il giorno tramite il proprio computer. Questo ha favorito l’uso delle armi. I colleghi potevano vedere esattamente dove dovevano mirare e come la persona reagiva.
Armin Gross: Quali sono gli effetti di queste armi sulle persone?
Carl Clark: Si può generare calore o bruciature interne, provoca dolore,  nausea e  paura. Tuttavia, spesso le tracce rimangono invisibili sulla pelle. Se queste persone vanno dal medico, questo gli dice che non hanno assolutamente nulla.
Armin Gross: Qual è l’obiettivo di questo “bombardamento”?
Carl Clark: Vogliono intimidire la gente. Nel mio caso, ho subito le radiazioni per tre anni, quando decisi di smettere con tutto. Sono certo che negli anni 2003/2004, le armi a microonde sono state usate contro di me, e mi hanno reso terribilmente aggressivo. Ho quasi ucciso qualcuno: la mia ex vicina, una simpatica vecchietta.

I tentativi di spingere la gente verso la demenza.

Armin Gross: Pensa che ora è possibile influenzare direttamente i sentimenti con radiazioni elettromagnetiche?
Carl Clark: Senza dubbio. Sappiamo che il corpo è estremamente sensibile alle radiazioni elettromagnetiche.
I processi elementari delle cellule viventi operano con oscillazioni elettromagnetiche biogene. La frequenza può cambiare o interrompere questi processi dall’esterno. Ci sono stati nel contesto di ricerca militare tentavi di influenzare il corpo e lo spirito con frequenze. E’ possibile in questo modo generare sentimenti di paura, aggressività, nervosismo o perdita di memoria . Se altri tipi di interventi sono loro aggiunti, è del tutto possibile condurre qualcuno alla demenza. Ad esempio, la frequenza radio è manipolata, in modo che la persona presa di mira sente il suo nome alla radio o in modo che il computer indica instancabilmente il suo nome sullo schermo. Delle voci sono anche inviate loro per fare commenti sulle proprie attività. Ho sentito, per esempio, al mattino, al risveglio, una voce che diceva: “Alzati e fa male a qualcuno! “
Armin Gross: le persone sono direttamente spinte in situazioni psichiatriche estreme ?
Carl Clark: Sì, vogliono mandare la gente direttamente in un ospedale psichiatrico. Se una persona in cerca di aiuto vuole andare alla polizia o dal medico, non la prendono sul serio. Alcuni medici ed alcuni ospedali collaborano con i servizi segreti. Le direttive diagnostiche  permettono di classificare qualcuno come schizofrenico se  si sente perseguito e sente voci.
Armin Gross: collaborano gli ospedali con i servizi segreti?
Carl Clark: Sì, in tutti i casi. Le grandi aziende collaborano anche loro. Ecco perché si corre un gran rischio se si svolgono indagini su le grandi aziende. Lo stato statunitense protegge le grandi aziende come McDonalds, Coca Cola, e alcune aziende farmaceutiche. Il governo americano si rivolge anche agli agenti dell’FBI, in casi di spionaggio industriale. Anche i massoni sono molto all’interno della CIA per svolgere un ruolo importante.

Armin Gross: Perché ha smesso?
Carl Clark: Avevo capito che cio’ che facevo era sbagliato. Le ultime due persone a cui sono stato assegnato, non avevano fatto nulla. Non fanno  politica, erano del tutto normali, non erano criminali ne economicamente pericolosi. La sola ipotesi che mi sono permesso di fare su di essi era sopra il loro DNA o il loro sangue. Recentemente, molte indagini sono condotte in materia. Il DNA è associato con le ultime caratteristiche del nostro carattere. Il progetto sul genoma umano ha analizzato dal 1993 al 2004 tutte le coppie di basi del genoma umano, ha anche raccolto dati genetici di persone a rischio (Progetto sulla Diversità del Genoma Umano ) ed ha confrontato i risultati. I nostri datori di lavoro hanno voluto la prova del DNA delle persone che abbiamo sorvegliato. Abbiamo sempre avuto nella nostra sede principale, nei primi giorni di sorveglianza, le analisi del DNA o del sangue di queste persone.
Armin Gross: Ha detto che ha avuto problemi quando ha deciso di smettere nel 2003?
Carl Clark: Quando una volta di notte ho fatto 3.000 miglia con un camion per consegnare dei pacchi, un elicottero mi inseguì per tutto il tempo. Un giorno, mentre ero in macchina lungo un viale, un uomo mi ha aggredito e mi ha dato un colpo vigoroso in faccia. Una volta qualcuno ha rimosso tre pezzi del mio motore in autostrada, il motore improvvisamente si è rotto. Un’altra volta quando stavo guidando un camion con un carico di tre tonnellate, due pneumatici esplosero improvvisamente nello stesso istante. La polizia è intervenuta e ha detto che non aveva mai visto una cosa simile. Una volta sono stato inseguito per mesi e mesi mentre guidavo la mia auto. Questo mi ha reso così arrabbiato che ho improvvisamente fermato la macchina, ho preso la mia mazza da baseball e sono uscito. Le tre auto dietro di me si fermarono e scomparirono a tutta velocità in retromarcia. Se fossero state delle persone normali, avrebbero denunciato tutto alla polizia, invece non lo fecero. Mi hanno mandato successivamente tre simpatiche persone che dovevano spiarmi.
Poiché  mi ero reso conto che ero inseguito, mi azzardai una volta a dichiarare in una conversazione che avrei ucciso quelle persone che si intromettevano
nella mia vita. Improvvisamente, non si  sono più fatte vive.
Armin Gross: E adesso come stanno le cose? Pensa che lei è sempre sotto sorveglianza?
Carl Clark: Sì, naturalmente. Ho anche saputo che i servizi segreti vogliono sapere perché sono scappato ora in Germania.
Armin Gross: Lei non vive pericolosamente in questo momento?
Carl Clark: Io sono pronto a condurre una lotta contro di loro. Sanno anche che io so molto su di loro e cerco di fare qualcosa contro i loro misfatti. Ho amici in squadre speciali. Delle persone in Afghanistan ed in Iraq mi sostengono.
Rete di monitoraggio gigante.

Armin Gross: Sa in quali paesi i servizi segreti usano le armi ad energia diretta sugli esseri umani?
Clark Carl: Negli Stati Uniti, in Germania, Cina, Corea del Nord, Russia, Francia e Inghilterra. (NDT: Carl Clark si dimentico’ certamente di aggiungere “tra altri”, perché sa benissimo che molti altri paesi sono coinvolti). Tutto questo avviene normalmente senza che i governi siano informati ufficialmente.
Ma ufficiosamente, penso che ci dovrebbe sempre essere nel governo delle personalità coinvolte o ne sono a conoscenza, in un modo o nell’altro.
Armin Gross: Sa quante persone sono sotto sorveglianza?
Carl Clark: In Inghilterra ci sono circa 5.000 persone sotto sorveglianza e circa 15 000 “spie”. Oltre ai principali servizi segreti ci sono ancora 300-400 piccole imprese dei servizi segreti che sono state fondate da ex poliziotti o ex dipendenti dei servizi segreti. Hanno ricevuto l’approvazione del Ministero dell’Interno per monitorare, scattare fotografie, fornire informazioni. Pagano molto bene i loro dipendenti .
Armin Gross: fu un problema per Lei cambiare Servizi Segreti?
Carl Clark: Nessuno, per i nuovi presidi fu sempre positivo perché in questo modo loro potevano ricevere informazioni da me su altri Servizi Segreti . Poiché i grandi Servizi Segreti non si fidano reciprocamente, io così ci guadagnavo di più.

Consigli per le vittime di monitoraggio/sorveglianza.

Armin Gross: ha Lei alcuni consigli per la gente che si sente sorvegliata?
Carl Clark: è migliore evitare certi concetti come “mindcontrol”, “servizi segreti” eccetera, nella posta elettronica ,
poiché la supervisione digitale avviene secondo certe parole di ricerca . Avrebbe senso cercare di scoprire se qualcuno si è introdotto nel tuo appartamento. Prima che le “spie” penetrano nel tuo appartamento, spesso usano gas anestetici che mandano nell’appartamento attraverso la fessura della  posta. In seguito, ti svegli con un sapore metallico in bocca. Se gli autisti si comportano in modo strano mentre guidano, si consiglia di prendere nota del numero della targa. Possono essere avvolti in pellicola le lettere per non essere viste. Possiamo controllare le radiazioni ad alta frequenza in un appartamento con strumenti di misura speciale.
Armin Gross: Conosce Lei altri whistleblowers o “denuncianti civici” che hanno storie simili?
Clark Carl: Finora, no. Ma spero che altre vittime sempre più numerose si faranno conoscere.
 
http://rudy2.wordpress.com/surveillance-secrete-et-torture-par-radiations-par-les-services-secrets/   ==> en français
 
http://rudy2.wordpress.com/entrevista-concedido-a-un-ex-agente-de-los-servicios-secretos-vigilancia-secreta-y-tortura-por-radiaciones-por-los-servicios-secretos/   ==> en español

Written by rudy2

April 5, 2011 at 10:04

4 Responses

Subscribe to comments with RSS.

  1. [...] Fonte: rudy2.wordpress.com / Traduzione e adattamento linguistico a cura di: Rudy Andria [...]

  2. […] INTERVISTA CONCESSA AD UN EX AGENTE DEI SERVIZI SEGRETI:SORVEGLIANZA SEGRETA E TORTURA CON RADIAZION…Intervista conceDY ssa ad un ex agente dei servizi segreti: sorveglianza segreta e tortura con radiazioni da parte dei Servizi Segreti.PS: In fondo troverete altre testimonianze di persone che hanno vissuto un’esperienza del genere e vari pezzi del puzzle da mettere assieme con una domanda finale. Se qualcuno, in forma anonima, vuole lasciare qualche memoriale sarà ben accettato e divulgato.Buona Lettura.

    Traduzione dall’inglese A C U R A D I R U D Y A N D R I A .

    Questa versione italiana è stata fatta con l’autorizzazione dell’autore. Potete pubblicarla dove vi sembra opportuno, ma abbiate gentilmente la correttezza e l’estrema cortesia di non fare nessuna modifica, senza L’AUTORIZZAZIONE DEL TRADUTTORE, RUDY ANDRIA. Grazie.

    —La storia che ci racconta Carl Clark ci lascia parzialmente senza fiato. Questo signore inglese descrive come ha sorvegliato e molestato gente per conto di vari servizi segreti, e come, dopo essere sfuggito, è diventato egli stesso vittima. Ha anche partecipato all’utilizzo delle armi a microonde su gli altri, ora tocca a lui sperimentare la cosa. E’ necessario che queste macchinazioni criminali vengano portati alla coscienza pubblica, in modo che possiamo fermarle. Egli descrive qui ciò che lo ha portato ad emergere dall’ombra.———–Intervista a Carl Clark, Norfolk, InghilterraArmin Gross: vorrei che facesse luce su questo Carl Clark: Lavoravo come freelance dal 1980 al 2003 per vari servizi segreti. Fino al 1997, lavoravo attivamente per la CIA. Poi ho lavorato per i servizi segreti israeliani, il Mossad e l’Anti-Defamation League (ADL), un’organizzazione con sede negli USA contro la discriminazione e la diffamazione degli Ebrei. Sono stato anche nel MI5, un gruppo secondario dei servizi segreti britannici. Più tardi, sono entrato nei servizi segreti della polizia e in quelli di un laboratorio di ricerca. La mia zona d’ operazioni era l’Europa: Parigi, Zurigo, Berlino, Dusseldorf, Monaco, Madrid, Bilbao, Lione e Mosca. […]

  3. A me e’ 38 anni che mi perseguitano. Mi hanno diatrutto la vita. Sono solo. Aspettano solo che faccia qualcosa di sbagliato per farmi sparire per sempre ma questo non potra’ mai accadere semplicemente perche’ ho l’ animo buono e gentile. Purtroppo spesso pero’ penso al suicidio. Ho tutti contro. So anche che utilizzano gli ultrasuoni per farti fare cio’ che vogliono senza che me ne renda conto. Chiamatemi e vi racconto tutto.
    cell. 3317233061
    gabriele.mei76@gmail.com

    A proposito : le voci di “paolo” dicono la verita’ ma non fidatevi lo stesso. Di nessuno.

    gabriele

    June 30, 2014 at 19:08


Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

Follow

Get every new post delivered to your Inbox.

Join 144 other followers